Le vite impossibili di Greta Wells – Andrew Sean Greer

Confesso che mi sono avvicinata a questo libro con molta circospezione. Mi intrigava la trama, ma non riuscivo mai ad iniziarlo.

Eventi fortunosi mi hanno portato ad affrontare in questi giorni una lettura che si prospettava davvero succulenta:

Greta Wells, nel 1985, subisce un doppio trauma che la porta ad optare per un trattamento psichiatrico d’altri tempi: l’elettroshock.

Il trattamento si rivela essere una sorta di macchina del tempo, che la collega, ad ogni scossa, a una delle sue due altre sé che vivono nel 1918 e nel 1941. Vivere nei panni delle altre Greta e ritrovare letteralmente sotto altre vesti le persone perdute, aiutano Greta a comprendere i suoi sentimenti e a trovare la sua strada.

Attraverso i viaggi nel tempo, le tre Greta accettano il dolore delle perdite subite e aggiustano l’una le vite delle altre, fino ad arrivare all’unica soluzione per ognuna di loro.

Raccontato così, il libro sarebbe molto interessante.

Purtroppo, è davvero macchinoso e, come ha detto qualcuno, eccessivamente intimista. Le ultime 50 pagine sono state un’agonia, e le caratteristiche delle tre Greta si sono sGretalate (pardon, sgretolate) ad ogni parola.

Il riferimento al grande H.G. Wells credo non sia casuale, ma forse più che un omaggio al geniale scrittore (o scrittrice, come simpaticamente suggerito dalla serie tv Warehouse 13?), mi è sembrato un claim pubblicitario.

 

Tutto sommato, l’ho trovato scarso.

Voto: 5/10

Titolo  Le vite impossibili di Greta Wells

Autore  Andrew Sean Greer

Editore  Bompiani

Prezzo   12 euro tascabile

Anno : 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...