Una ragazza intrattabile – Anne Tyler

Quello che succede a coloro che ricercano letture leggere, è che spesso troveranno libri molto frivoli e superficiali.

Dopo tomi e tomi di saggistica, ci sono dei periodi nei quali ho proprio voglia di non appesantire il mio cervello nella lettura, e mi butto a capofitto nei romanzi chick.

Pochi giorni fa, per puro caso, sono andata in biblioteca e questo libro appariva tra le ultime proposte più allettanti, e la bellissima peonia in copertina era davvero troppo invitante per non approfittare del prestito.

Copertina accattivante, dicevamo, e il nome “importante” dell’autore, mi hanno spinta a prendere il libro.

Leggendo la quarta di copertina, poi, scopro che il libro è una rivisitazione in chiave moderna della commedia di Shakespeare, La bisbetica domata. E che il libro fa parte di una piccola serie di rivisitazioni delle opere più famose del Bardo, in occasione dei 400 anni dalla sua scomparsa.

Cosa dire, se non che mi ci sono tuffata con tanto entusiasmo?

Che il libro è di 200 pagine, e che a pagina 75 ho deciso di leggere le ultime 5 pagine per capire dove andava a finire e decidere di archiviarlo.

Che Shakespeare preferirebbe morire ogni anno per quattrocento anni piuttosto che vedere una sua opera così orrendamente reinterpretata.

Che le due ragazze protagoniste sono una più intollerabile dell’altra, e non ci sono giustificazioni per il comportamento delle figure maschili e maschiliste protagoniste.

Che non ho mai letto niente di più insulso e poco moderno, e sinceramente non capisco come sia piaciuto a tante altre persone.

Libro terrificante, si salva solo la peonia.

 

 

 

Voto: 2/10

Titolo  Una ragazza intrattabile

Autore  Anne Tyler

Editore  Rizzoli

Prezzo   19,50 euro brossura

Anno : 2016

 

Annunci

Le vite impossibili di Greta Wells – Andrew Sean Greer

Confesso che mi sono avvicinata a questo libro con molta circospezione. Mi intrigava la trama, ma non riuscivo mai ad iniziarlo.

Eventi fortunosi mi hanno portato ad affrontare in questi giorni una lettura che si prospettava davvero succulenta:

Greta Wells, nel 1985, subisce un doppio trauma che la porta ad optare per un trattamento psichiatrico d’altri tempi: l’elettroshock.

Il trattamento si rivela essere una sorta di macchina del tempo, che la collega, ad ogni scossa, a una delle sue due altre sé che vivono nel 1918 e nel 1941. Vivere nei panni delle altre Greta e ritrovare letteralmente sotto altre vesti le persone perdute, aiutano Greta a comprendere i suoi sentimenti e a trovare la sua strada.

Attraverso i viaggi nel tempo, le tre Greta accettano il dolore delle perdite subite e aggiustano l’una le vite delle altre, fino ad arrivare all’unica soluzione per ognuna di loro.

Raccontato così, il libro sarebbe molto interessante.

Purtroppo, è davvero macchinoso e, come ha detto qualcuno, eccessivamente intimista. Le ultime 50 pagine sono state un’agonia, e le caratteristiche delle tre Greta si sono sGretalate (pardon, sgretolate) ad ogni parola.

Il riferimento al grande H.G. Wells credo non sia casuale, ma forse più che un omaggio al geniale scrittore (o scrittrice, come simpaticamente suggerito dalla serie tv Warehouse 13?), mi è sembrato un claim pubblicitario.

 

Tutto sommato, l’ho trovato scarso.

Voto: 5/10

Titolo  Le vite impossibili di Greta Wells

Autore  Andrew Sean Greer

Editore  Bompiani

Prezzo   12 euro tascabile

Anno : 2013